Via Tuscolana, 1003 (Cinecittà) Roma – Tel. 347.66.00.460

DISTURBO DIPENDENTE DI PERSONALITÀ

Dott.ssa Sonia Frattali​

PSICOLOGIA • PSICOTERAPIA • IPNOSI

Le persone con questo disturbo hanno tratti in comune con le personalità borderline, istrioniche, narcisistiche ed evitanti. Soffrono spesso di disturbi ansiosi e di disturbi dell’adattamento con umore depresso. Vi è una situazione pervasiva di necessità di essere accuditi, che determina comportamento sottomesso e dipendente e timore della separazione.

Definizioni comportamentali

  • Difficoltà a prendere le decisioni quotidiane senza richiedere una eccessiva quantità di consigli e rassicurazioni
  • Bisogno che altri si assumano le responsabilità per la maggior parte dei settori della sua vita
  • Difficoltà ad esprimere disaccordo verso gli altri per il timore di perdere supporto o approvazione
  • Difficoltà ad iniziare progetti o a fare cose autonomamente
  • Bisogno estremo di ottenere accadimento e supporto dagli altri
  • Sensazione di disagio quando si è soli per timore di essere incapace di provvedere a se stesso
  • Quando termina una relazione stretta, vi è una ricerca urgente di un’altra relazione come fonte di accadimento e di supporto
  • Preoccupazione eccessiva di essere lasciati a provvedere a se stessi

Obiettivi della terapia

Le strategie cognitive-comportamentali sono poco indicate perché si corre il rischio di rinforzare l’atteggiamento di dipendenza.

  • Identificazione delle paure associate con i comportamenti di indipendenza
  • Esplorazione della natura della dipendenza
  • Riconoscimento dei problemi legati all’abbandono
  • Lettura del libro “Donne che amano troppo” di R. Norwood (biblioterapia) e discussione delle idee-chiave con il terapeuta
  • Analisi delle esperienze di abbandono emozionale vissute nella famiglia di origine
  • Assertive training
  • Diminuzione di autocritiche e messaggi interni negativi
  • Aumentare la propria capacità di prendere decisioni autonomamente
  • Riduzione della tendenza di rispondere automaticamente alle aspettative degli altri
  • Compilare una lista dei “devo” e, per ognuno, individuare quale persona dell’infanzia inviava tale messaggio
  • Incrementare il diniego alle richieste degli altri
  • Consapevolizzazione della paura del rifiuto e dell’abbandono
  • Apprendimento di tecniche per superare lo stress legato a situazioni ansiogene
  • Identificazione della paura della solitudine
  • Problem solving per trascorrere brevi periodi da soli in modo costruttivo
  • Esplorazione ed analisi della paure legate all’indipendenza
  • Incrementare la capacità di ricevere senza dare
  • Aumentare la capacità di dire “no” senza sentirsi in colpa
  • Riconoscere gli schemi di dipendenza e valutarne vantaggi e svantaggi alla luce del mondo adulto
  • Esplorazione di valide alternative funzionali ai vecchi comportamenti
  • Aumentare il livello di autostima
  • Eventuale supporto farmacologico